Skip Ribbon Commands
Skip to main content
Removable core and standard Tranter Shell & Plate Exchanger configurations
Lo scambiatore di calore a mantello e piastre Tranter, interamente saldato, è disponibile in una struttura imbullonata (a sinistra) con un pacco piastre removibile in una struttura completamente saldata.



Tranter Shell & Plate Exchanger core subassembly


Come si è visto, il pacco piastre, quale elemento termico, lo scambiatore di calore a mantello e piastre Tranter contiene una straordinaria superficie di scambio termico in un ingombro veramente ridotto.



Tranter Shell & Plate Exchanger proprietary cage structure


La struttura a gabbia di Tranter, che contiene il pacco piastre, elimina qualsiasi sollecitazione sull'elemento termico. La struttura di contenimento e le connessioni sono saldati soltanto sulla copertura finale.

Scambiatori di calore a mantello e piastre

Estensione della capacità per attività ancora più gravose

Lo scambiatore di calore a mantello e piastre Tranter (scarica la brochure .pdf) rappresenta un'evoluzione di prestazioni in rapporto agli scambiatori di calore a fascio tubiero, saldati tipo blocco e di alluminio brasato. Lo scambiatore offre elevate prestazioni termiche con una dimensione compatta, simile a quella degli scambiatori di calore a piastre guarnite, con un basso volume completo ed un peso installato ridotto, particolarmente quando è riempito (scarica un articolo tecnico sui vantaggi totali .pdf).     

Ora alla sua seconda generazione, lo scambiatore di calore a mantello e piastre odierno è il frutto del Centro di competenze delle unità saldate Tranter di Artern, in Germania. Abbinando all'esperienza pratica un input di progettazione derivante dalle operazioni globali R&S Tranter, questo banco di prova di processi produttivi ed attrezzature avanzati ha introdotto dei raffinamenti di estensione di capacità. In questo momento stiamo soltanto iniziando ad esplorare il potenziale dello scambiatore di calore a mantello e piastre per attività ancora più difficoltose. Oltre a miglioramenti di progettazione, abbiamo aggiunto alla linea produttiva piastre più larghe e piastre oblunghe (per una lunghezza termica più estesa).

  

Progettato per la distribuzione delle sollecitazioni

Il cuore dello scambiatore di calore a mantello e piastre Tranter è rappresentato dal suo elemento di scambio termico, chiamato pure pacco piastre, composto di piastre circolari od oblunghe, di tipo a zig-zag, saldate in una cassetta mediante una saldatura periferica attorno alla portella. Le cassette vengono quindi sistemate assieme e saldate l'una all'altra per mezzo di una saldatura periferica.

Il sottogruppo dell'elemento termico presenta così ripartitori di flusso dal lato del mantello, connessioni e una piastra finale saldata ad esso. Una struttura a gabbia esclusiva (vedere l'illustrazione), saldata soltanto alla copertura finale, circonda e supporta il gruppo del pacco piastre. La gabbia in questione impedisce che le sollecitazioni causate dallo sbalzo siano trasferite al pacco piastre. Il risultato è un recipiente pressurizzato di elevata integrità, con un pacco piastre a forma di fisarmonica che offre un'alta tolleranza all'espansione termica.​

La struttura è più robusta rispetto alle unità guarnite, agli scambiatori a mantello e tubo e alle unità saldate di tipo a blocco quadrato. Non vi è alcuna guarnizione da sostituire o che possa cedere. Non sono neanche presenti tubi che possano vibrare in condizioni di flusso capovolto, inducendo sollecitazioni nelle saldature, nei deflettori e nei supporti, causando possibili guasti prematuri. La concezione circolare od oblunga, interamente saldata, che coinvolge sia la portella della piastra che le saldature periferiche, rappresenta un'ottima sagoma di distribuzione delle sollecitazioni; non sussistono angoli e bordi a 90°, soggetti a rotture da sollecitazioni, come nel caso degli scambiatori di calore a piastre di tipo blocco.

  

Durata comprovata sul campo

La durata operativa si è dimostrata straordinaria. Le unità consegnate dopo aver passato i test di perdita all'elio e a pressione normale presso la nostra fabbrica, hanno poi registrato un tasso di guasti estremamente basso in fase operativa. Esami supplementari NDE (verifiche non distruttive) di processo produttivo disponibili comprendono: 

  •  Esami liquidi penetranti (Dye) (per tutti i giunti saldati)

  •  Esami a raggi X (per i giunti saldati applicabili)

  •  UT (per i giunti saldati applicabili)

  •  Allo spettrometro di massa, con l'elio (per l'intera unità)

  

Materiali previsti per le attività

I materiali delle piastre possono essere del Tipo 316L di acciaio inossidabile, titanio o altre leghe; gli involucri possono essere fabbricati con acciaio al carbonio, Tipi 304, 316, 316L acciaio inossidabile e titanio. L'unità può essere realizzata con metalli diversi quando solo un suo lato sarà esposto a condizioni corrosive.

 

Tranter Shell & Plate Heat Exchanger plate size range
Le piastre disponibili comprendono tipi circolari ed oblong, in una gamma di varie dimensioni. Le connessioni dal lato del mantello sono disponibili dal formato DN 10 (ANSI 3/8 in.) a quello DN 700 (ANSI 28 in.).​