Skip Ribbon Commands
Skip to main content

Tranter Mini-Welded Heat Exchanger flow channels 

Il MAXCHANGER può ottenere differenze minime di temperatura inferiori a 1 °C (2 °F).

 

 

Tranter Mini-Welded Heat Exchanger product rangeLo scambiatore di calore a piastre mini-saldato MAXCHANGER®

 

Scambiatori di calore mini-saldati MAXCHANGER®

Quando considerare

Sarà bene considerare lo scambiatore di calore mini-saldato MAXCHANGER® ogni volta che sussistono le condizioni per un modello a mantello e fascio tubiero, ma sono altresí presenti limitazioni e preoccupazioni su una possibile perdita. Con i suoi valori nominali di 82,7 Barg (1200 psig) e con l'intervallo -140–538 °C (-220–1000 °F), il MAXCHANGER ha provato la sua capacità di sopportare sollecitazioni di fatica indotti da cicli di pressione nelle applicazioni di riscaldamento da vapore. Lo scambiatore MAXCHANGER può tollerare un differenziale massimo di temperatura (temperatura all'ingresso del fluido caldo meno temperatura all'ingresso del fluido freddo) di 538 °C (1000 °F).

Nel processo chimico, il MAXCHANGER ha provato di essere attraente, dato che non presenta guarnizioni che richiedano interventi di manutenzione nel caso di fluidi aggressivi. Inoltre, l'elevata turbolenza del flusso, indotta dalle piastre concave, rende le procedure CIP particolarmente efficaci. Nei circuiti marini di isolamento ad acqua di mare, la loro compatta efficienza rende le unità MAXCHANGER economiche, quando sono fabbricate in titanio resistente alla corrosione.

L'unità MAXCHANGER sta trovando impieghi nei settori dell'elettronica, dell'industria chimica, petrolchimica, farmaceutica, alimentare (cibi e bevande), delle attrezzature fuoristrada e attività marine. Le seguenti sono alcune delle applicazioni in cui ha trovato successo.

  • In sistemi di raffreddamento o refrigerazione sia come condensatore che come evaporatore

  • Nei processi chimici, per il raffreddamento dei campioni

  • Nel settore petrolchimico, per il riscaldamento dell'alchilazione di soda caustica/soluzioni HF, dato che occupa soltanto un terzo della lunghezza del convenzionale scambiatore a mantello e fascio tubiero, riducendo i costi e risolvendo i problemi annessi alla corrosione e alle perdite

  • A bordo delle navi, unità a piastre di titanio operano quali raffreddatori della fusione di rifiuti plastici per mezzo dell'acqua di mare, unità che offrono un peso ridotto, requisiti di poco ingombro e una struttura esente da manutenzione

  • Sui ferry-boat, in un circuito di isolamento ad acqua dolce, per il raffreddamento dell'olio lubrificante del motore della turbina a gas, grazie alla loro dimensione ridotta e al loro peso ridotto

  • Nel processo alimentare, quali raffreddatori di olio minerale a prova di perdite e senza guarnizioni, per la sterilizzazione del vapore surriscaldato, per il riscaldamento istantaneo dell'acqua calda e per il raffreddamento dell'acqua dolce (ammoniaca) per il raffreddamento delle carcasse

  • Nelle attrezzature fuoristrada, in qualità di raffreddatore compatto di olio motore senza manutenzione, o di olio idraulico​

  • In qualità di componentistica di sistema per pacchetti tecnici, per biodiesel puliti, acqua raffreddata, sistemi a glicole, sistemi Syltherm 800 fino a 427 °C (800 °F) o Syltherm XLT fino a -73 °C (-100 °F), sistemi ad olio termico caldo, sistemi di isolamento a circuito chiuso o unità di controllo della temperatura (Temperature Control Unit, TCU).).

Tranter Mini-Welded Heat Exchanger in a heating skidL'unità MAXCHANGER, collegata da un tubo sull'estrema sinistra, sembra minuta rispetto al resto dello skid di riscaldamento dell'olio termico, a testimonianza della sua compatta efficienza.

Tranter Mini-Welded Heat Exchanger connections versatilityQuesta unità MAXCHANGER (primo piano) mostra la semplicità delle tubazioni e del montaggio, che la sua dimensione compatta rende possibile.